LOREM IPSUM DOLOR

40 €

FIORITURA DEL LOTO SUI LAGHI DI MANTOVA

PROGRAMMA

Ritrovo dei partecipanti
– alle ore 5.45 presso il parcheggio delle piscine di Muggiò a Como
– alle ore 6.00 a San Fermo della Battaglia (presso la fermata capolinea dei bus) 
– alle ore 6.10 a Cavallasca (presso la pensilina della fermata del bus sulla rotonda in direzione Como) 
Incontro con accompagnatrice Karis e partenza con pullman privato gran turismo.
Arrivo sul Mincio e alle ore 9.30 imbarco su battello privato per un tour panoramico del Lago Superiore per ammirare, fra i molti splendori, la fioritura dei fiori di loto (durata: 90 minuti circa).

 

La Riserva “Valli Del Mincio”, una delle più importanti ed estese zone umide del Nord Italia, è un’area protetta del Parco Naturale che comprende le divagazioni di questo fiume fra Rivalta, Grazie di Curtatone, Mantova ed il bacino del Lago Superiore. La zona è ricoperta da vasti canneti, ricca di vegetazione idrofila negli specchi d’acqua aperti; eccezionale presenza di avifauna acquatica, sia nidificante, che svernante. L’area è stata dichiarata zona umida di interesse internazionale ai sensi della convenzione di Ramsar. Nel pieno dell’estate è da notare la spettacolare fioritura del Fior di Loto (Nelumbo nucifera), una splendida pianta esotica con grandi foglie tondeggianti verde smeraldo che si innalzano per oltre un metro sopra il pelo dell’acqua e magnifici fiori dal profumo intenso che mostrano tutte le sfumature del rosa, dal crema al magenta.


A seguire visita al bel santuario della Beata Vergine Maria, a Grazie di Curtatone.

 

Si trova in località Grazie, ovvero una manciata di case sulla riva destra del Mincio, proprio dove il fiume si allarga diventando Lago Superiore. Francesco I Gonzaga, quarto capitano di Mantova, fece costruire questo sacro edificio, posto in posizione elevata a dominare i canneti e le acque del fiume, nel 1399 come voto alla Madonna, durante la peste che infieriva sulla città in quegli anni. Il progetto fu affidato a Bartolino da Novara e la nuova chiesa venne consacrata nel 1406. L’esterno è di un severo gotico lombardo, mentre l’interno è una vivissima manifestazione della fede popolare, con le pareti laterali ricoperte da una teoria di statue polimateriche, allineate tra il ‘500 ed il ‘600 dai frati, mentre dal soffitto pende un coccodrillo impagliato, carico di valenze simboliche.


Al termine trasferimento a Mantova e tempo a disposizione per il pranzo libero e per una passeggiata in città.

 

Mantova – «Una città in forma di Palazzo»: questa felice sintesi di Baldassarre Castiglioni rende al meglio l’idea del fascino e delle suggestioni di cui Mantova è capace. Piccola e ben disegnata Mantova è innanzi tutto un’originale miscellanea di storia ed arte. La città si impone soprattutto come scrigno di tesori d’arte che nomi famosi nel mondo seppero riempire di opere preziosissime: basta citare Mantegna, Pisanello, Giulio Romano, Leon Battista Alberti per evocare numerosissimi altri artisti, pittori, urbanisti che accrebbero la sua indiscussa dignità culturale. Città antichissima che affonda le sue origini nell’età etrusca, Mantova raggiunse il suo splendore in età comunale e soprattutto durante la lunga dominazione della signoria dei Gonzaga (1328-1707).


Partenza per il rientro con arrivo previsto in serata.

SERVIZI

Servizi inclusi: viaggio e trasferimenti in pullman gran turismo - servizio di accompagnamento karis - navigazione su battello in esclusiva - viista guidata del Santuario - organizzazione tecnica - materiale informativo

Servizi esclusi: pranzo - ingressi a musei e monumenti non da programma - ev. mance - extra di carattere personale – - quanto non espressamente specificato nei servizi inclusi

TERMINI ISCRIZIONE E PAGAMENTI

QUOTA DI PARTECIPAZIONE :

CON UN MINIMO DI 50 PARTECIPANTI: 40 €

CON UN MINIMO DI 40 PARTECIPANTI: 45 €

ISCRIZIONI E SALDO ENTRO IL 22 GIUGNO

MAP