LOREM IPSUM DOLOR

90 €

IN CIMA AL PILATUS

pilatus ok 

Domenica 16 ottobre

 

IN CIMA AL PILATUS

In mattinata ritrovo dei partecipanti:
– alle ore 6.15 a Bregnano
– alle ore 6.50 presso il parcheggio delle piscine di Muggiò, a Como
Incontro con accompagnatrice Karis e partenza per la Svizzera con pullman privato gran turismo. 
Arrivo a Alpnachstad e alle ore 10.55 partenza con il treno a cremagliera più ripido del mondo.

 

Quando, nel XIX secolo, l’ingegnere Eduard Locher ebbe l’idea di costruire un treno per risalire sulla vetta del Pilatus, quasi tutti lo presero per pazzo … L’utopia divenne però realtà con l’inaugurazione, nel 1899, della linea lunga 4’618 m che portava da Alpnachstad al Pilatus Kulm, la vetta (linea a vapore fino al 1937). Con una pendenza del 48%, è a tutt’oggi il treno a cremagliera più ripido al mondo. L’exploit fu possibile grazie all”idea geniale di realizzare due ruote a cremagliera orizzontali, che furono anche presentate all’Esposizione mondiale di Parigi del 1889. Fu un concetto rivoluzionario che destò scalpore. Il funzionamento regolare ebbe inizio il 4 giugno 1889. Ai tempi della trazione a vapore, tra le 30’000 e le 50’000 persone ogni anno si fecero trasportare in vetta e, con la conversione della linea all’elettricità nel 1936/37, questo numero aumentò toccando i 250’000 (fatta eccezione durante gli anni della guerra).

 

Sosta per il pranzo libero in vetta al Pilatus (2.132 metri).

 

Da secoli, il massiccio del Pilatus è terra di spiriti, gnomi e draghi. Così narra la leggenda che ancora oggi viene raccontata ai bambini. A rendere inaccessibile la montagna è stata un’altra presenza: quella di Ponzio Pilato. Secondo la credenza, l’anima del governatore romano che condannò a morte Gesù trovò rifugio in uno dei laghetti della zona. Nel 1387, la paura del fantasma – che si pensava potesse causare violente tempeste – spinse l’allora Consiglio di Lucerna a vietare la scalata del monte. Una proibizione che decadde soltanto un paio di secoli dopo. Alla fine del XIX secolo, fu l’ingegno di un industriale zurighese ad aprire definitivamente il Pilatus al turismo di massa. Era l’epoca dei primi trenini di montagna ed Eduard Locher ebbe l’dea, per molti «folle», di costruire una ferrovia fino alla vetta. Concepì un sistema alla base semplice – due ruote dentate a rotazione orizzontale – che si rivelò però rivoluzionario, al punto di essere presentato all’Esposizione mondiale di Parigi.

 

Nel pomeriggio, a bordo della nuova funivia Dragon-Ride, si raggiunge Frakmuntegg e, infine, si prosegue il viaggio a bordo di una cabinovia panoramica per arrivare a Kriens

 

Sulla nuova funivia «Dragon Ride», grazie alla sua generosa capacità di posti, alla struttura che ricorda una cabina di pilotaggio e alle ampie finestre, vi sembrerà davvero di volare! Decollate con noi e godetevi la spettacolare vista durante la corsa di 3,5 minuti fino in vetta.
Salite a bordo e godetevi un magnifico panorama circolare: la cabinovia panoramica vi porta fino a Kriens.

 

Al termine ripartenza in pullman con arrivo in serata.

SERVIZI

Servizi inclusi: viaggio e trasferimenti in pullman privato - servizio di accompagnamento per l'intera giornata - trasporto con treno a cremagliera, funivia e cabinovia come da programma - organizzazione tecnica e materiale informativo.

 

Servizi esclusi: pranzo - extra di carattere personale – eventuali ingressi a musei e monumenti - mance - quanto non espressamente specificato nei servizi inclusi

TERMINI ISCRIZIONE E PAGAMENTI

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 90 €

Valida con un minimo di 40 partecipanti

QUOTA BIMBI 0 - 5 ANNI: 20 €

QUOTA BIMBI 6 - 15 ANNI: 50 €

ISCRIZIONI E SALDO ENTRO IL 20 SETTEMBRE

MAP


ISCRIVITI