LOREM IPSUM DOLOR

300 €

RIMINI: WEEKEND A 5 STELLE

Arco_d'Augusto,_Rimini_Italy

PROGRAMMA

 

1° giorno, sabato 4 febbraio– RIMINI MALATESTIANA


Ritrovo dei partecipanti a Como e a Bregano, incontro con accompagnatrice Karis e partenza per l’Emilia Romagna con pullman privato gran turismo. Sosta per la colazione lungo il percorso. Arrivo a Rimini e, dopo il pranzo libero, incontro con la guida locale per la visita del Tempio e del Castello (solo esterno).

Tempio – insigne realizzazione di Leon Battista Alberti e una tra le più importanti creazioni del primo rinascimento; intitolata a S. Francesco è il monumento simbolo della città. L’originaria cappella medievale fu quasi del tutto rinnovata dall’Alberti dal 1447 al 1460 per volere di Sigismondo Malatesta. Dopo i gravi danni subiti nel corso della seconda guerra mondiale, la chiesa fu restaurata nel 1945-50. La maestosa facciata (incompiuta nell’alto) è ispirata alle forme dell’arco trionfale romano; nel fianco destro solenni arcate racchiudono sarcofagi di personaggi illustri. L’interno è ad una sola vasta navata, con copertura lignea a capriate, sulla quale si affacciano profonde cappelle laterali. La decorazione marmorea è dovuta prevalentemente a Matteo de’ Pasti e ad Agostino di Duccio. A destra dell’ingresso, il sepolcro di Sigismondo Malatesta. Sul lato destro è la cella delle Reliquie.
Castel Sismondo – è stato edificato nel Quattrocento per volere di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Dell’antica struttura è superstite il solo nucleo centrale. Sigismondo ne fece iniziare la costruzione il 20 marzo del 1437, penultimo mercoledì di quaresima, alle ore 18.48. Si è sicuri delle date e dell’ora in quanto giorno ed ora furono fissati da un oroscopo predisposto con cura dagli astrologi di corte al fine di avviare l’opera nel momento più propizio secondo gli astri. La conclusione “ufficiale” fu proclamata nel 1446, anno per lui particolarmente fortunato, forse la fine dei lavori fu una dichiarazione convenzionale e diplomatica, insomma di propaganda, visto che in realtà nella rocca si lavorava ancora nel 1454. Il castello fu concepito contemporaneamente come palazzo e fortezza insieme, come degna sede per la corte e per la guarnigione e come segno di potere e di supremazia sulla città di Rimini. Il carattere forte e prepotente dell’edificio era sottolineato anche dalla posizione privilegiata su cui si ergeva la fortezza. Infatti prima di cominciare a lavorare sulla rocca, Sigismondo provvide a spianare un’ampia zona della città, di fronte alla piazza medievale più importante (l’attuale Piazza Cavour). In questo modo il castello dominava dall’alto il centro vitale della città, ben visibile da tutti gli altri palazzi governativi e da tutti i cittadini.

Sistemazione nelle camere riservate presso il Grand Hotel di Rimini***** e tempo a disposizione personale per rilassarsi  presso il centro benessere dell’hotel.

In serata cena al ristorante dell’hotel e pernottamento.

 

2° giorno, domenica 5 febbraio – RIMINI ARCHEOLOGICA

Prima colazione e check-out dall’hotel. Mattinata dedicata alla visita della Rimini Archeologica in compagnia di una guida locale, con particolare attenzione alla Domus del Chirurgo.

Rimini archeologica – per visitarla si può partire dall’antico Ponte di Tiberio, costruito per volere di Augusto e che mostra ancora oggi tutta la bellezza della sua struttura con cinque arcate a tutto sesto realizzate in pietra d’Istria. Attraversa il fiume Marecchia, un tempo Ariminus, e si pone come confine settentrionale della Rimini romana. Tuttora aperto al transito di veicoli, il Ponte di Tiberio da inizio al Corso d’Augusto, il lungo viale pedonale che rappresenta ancora oggi il centro vivo di Rimini, pieno di negozi, piccoli caffè ed edifici storici. Percorrendolo si arriva alla grande Piazza Tre Martiri, dove recenti scavi anno riportato alla luce parte dell’antica pavimentazione del foro romano, e poi alla bellissima Piazza Cavour, sede del mercato del pesce e della verdura in epoca medievale. Percorso tutto il Corso d’Augusto si giunge all’imponente Arco d’Augusto, altra mirabile costruzione di epoca romana. Nel visitare Rimini non si può tralasciare una tappa all’Anfiteatro romano, edificato nel II° secolo d.C. per ospitare spettacoli gladiatori.
Domus del chirurgo – del complesso del Museo della Città fanno parte anche i resti, venuti alla luce nel 1989, della cosiddetta domus del Chirurgo, abitazione romana della seconda metà del II secolo d.C. I reperti e i mosaici all’interno dell’abitazione, ben conservati, rendono pienamente l’idea della distribuzione dei locali e hanno consentito di scoprire l’identità del proprietario. La casa aveva due piani, le stanze erano affrescate e impreziosite da pavimenti a mosaico con motivi geometrici e figurati e in uno dei due ambienti di soggiorno era collocato un pregevole mosaico con Orfeo in mezzo agli animali. Tra i ritrovamenti risalta una ricca attrezzatura.

Tempo a disposizione personale per il pranzo libero e, nel pomeriggio, partenza per il rientro con arrivo previsto in serata.

 

SERVIZI

Servizi inclusi: viaggio e trasferimenti in pullman gran turismo - servizio di accompagnamento per l’intera durata del tour – visita guidata di Rimini (2 mezze giornate) – ingressi come da programma - un pernottamento in camera doppia superior presso il Grand Hotel di Rimini***** con trattamento di mezza pensione (bevande incluse) - utilizzo della spa dell'hotel - organizzazione tecnica – assicurazione medico e bagaglio

 

Servizi esclusi: pranzi - ingressi non menzionati - tassa di soggiorno da pagare in hotel - ev. mance e facchinaggio - extra di carattere personale – ev. assicurazione contro l'annullamento (facoltativa e da richiedere alla prenotazione) - quanto non espressamente specificato nei servizi inclusi

TERMINI ISCRIZIONE E PAGAMENTI

QUOTA DI PARTECIPAZIONE : 300 €

 

(valida con un minimo di 15 partecipanti)

 

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA: 40 €

IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE MIRABILIA

ISCRIZIONI ENTRO IL 16 GENNAIO

MAP


ISCRIVITI